Nel blu

nel blu
 
Il riverbero del sole che si riflette sulla nebbia del primo mattino produce un’ atmosfera lattiginosa ed ovattata in cui le valli sbiadiscono ed ogni dettaglio finisce per nascondersi, tranne le cime più alte, le quali emergono come isole o faraglioni su un mare biancastro, assumendo tonalità fra il grigio e l’ azzurro sempre più sfumate e chiare a mano a mano che lo sguardo si spinge verso l’ orizzonte.
 
Un’ inaspettata apertura in mezzo alle sagome frastagliate rivela il bronzeo riflesso d’ un lago illuminato, introducendo l' unica nota di colore in questo monocromo panorama troppo primordiale per essere intelligibile.
 
Più lontano, oltre la fascia dell’ indistinto, cumuli di nubi affiorano sopra il nulla come un’ immacolata creazione che non vuole spiegazioni e rifiuta significati.
 
Al di sopra di tutto, il puro ed indistinto azzurro del cielo si diparte dalla linea bianca, sfumata e nondimeno perfettamente percettibile dell’ orizzonte, per innalzarsi sempre più intenso e profondo, origine e causa e destino finale, alfa ed omega insieme di tutto ciò che sotto si dispiega e c’ era e ci sarà e di cui mi trovo ad essere accidentale ed inessenziale, nonché transitoria, autocoscienza.
  
Sfumano a volte i confini che altre volte appaiono netti, e quello sfumare dà l’ idea che il confine esista proprio per essere varcato che questa sia la sua natura ed il suo voler essere.
 
Fra poco inizieremo la nostra discesa, avvisa il comandante, assai opportunamente…
 

 

Annunci

21 commenti su “Nel blu

  1. feritinvisibili ha detto:

    Bellissimo. Se fossi qui – o io lì- ti darei pure un bacio.
    Sulla guancia, che hai capito!

  2. astrogigi ha detto:

    io avrei steso il comandante con un gancio destro….e zittito l'altoparlante con una sassata.
    poi avrei aperto i portelli ed avrei sacaricata la massa umana in eccesso dezavorrando il velivo permettendo così la defintiva ascesa all'ascesi suprema

    io sono in Cielo
    io sono parte del Cielo

    Io sono Il Cielo

    ciao nè ?

    3 nuovi referendum:

    1 – abolite le feste comandate
    2 – abolite i messaggi di auguri
    3 – lasciateci liberi di festeggiare ciò che riteniamo degno di esserlo purchè non appartenenti ai 2 primi quesiti

    GB

  3. melogrande ha detto:

    Ehm …. GB ?
    Come ti senti ?
    Tutto OK ?

    E' un periodo difficle, lo capisco benissimo, le feste comandate e tutto il resto…

  4. astrogigi ha detto:

    Sto benone
    più mi riesce di vomitare fuori l'acido che si accumula vivendo questi periodi di dei falsi e bugiardi, più il mio animo si eleva
    la visione della verità mi si presenta molto più lucida e lineare inducendomi a rafforzare quelle convinzioni su cui poggia il mio vivere.

    Vestirò un'ultima volta i panni di Topolino nell'Apprendista Stregone di Fantasia e agirò da Signore delle Stelle affinche le Sfere Celesti scaglino verso la Terra un asteroide bello grosso e bitorzoluto.

    Allora si, innalzerò il mio canto di gioia perchè la volontà degli dei venga fatta.

    tutti arrosto

    e così sia

    ciao Melo

    stavolta me ne vado davvero

    salutami le amiche

    io stacco

    ciao

    GB 

  5. Pannonica ha detto:

    sei riuscito a fotografare con le parole. e la foto è venuta anche molto bene!

  6. SAMOTHES ha detto:

    E' meraviglioso, a volte, come l'occhio sappia portare ben oltre a noi stessi la nostra coscienza e come poi, qualcuno, sappia renderne conto come se le parole fossero l'occhio di chi legge. Grazie Melo! E' molto bella. 

  7. melogrande ha detto:

    In attesa che ci arrivi in testa l' asteroide, Pannonica mi ha fatto venire in mente che un po' di musica ci può stare bene, e ce la metto.
    Buona "giornata" a tutti…

  8. Pannonica ha detto:

    non resisto… vai qui:

    prima o poi splinder ce la farà e rendere possibile l'inserimento di video da youtube… 

    buona "giornata" anche a te!

  9. ricominciamento ha detto:

    leggevo le tue parole e facilmente mi si evidenziava il paesaggio, le singole immagini nei particolari. sei riuscito quasi a trasmettere l'aria di quel luogo, la freschezza dell'aria. 😉

  10. melogrande ha detto:

    Grazie, ricominciamento !
    Immagino che la sveglia alle quattro del mattino favorisca l' immediatezza della scrittura…( ma non garantisco di perseverare )

  11. Diaktoros ha detto:

    Mi capita di svegliarmi alle quattro del mattino, ma non per volare. Eppure anche lì si supera un confine, la dimensione dei sogni… e anche quella del buon gusto, perché l'immediata reazione è: "…zo, sono solo le quattro?". Poi si tenta di riappisolarsi

  12. melogrande ha detto:

    In effetti uno spettacolo come l' alba avrebbero dvuto programmarlo in un orario più comodo, o almeno trasmetterlo in replica…

  13. SinuoSaStrega ha detto:

    Uhm… bella l'ultima parte sulla "natura del confine". Bello tutto eh!
    Ciao!

  14. egle1967 ha detto:

    Una superba descrizione fotografica. Ma il disegno chi l'ha fatto?

  15. melogrande ha detto:

    Sinuosa,
    la natura del confine la trovo affascinante nella sua ambiguità.
    Da una parte il confine definisce un' identità come se fosse il contorno di un disegno (con-finare / de-finire). Non saprei di essere uomo se non ci fossero le donne, nè di essere italiano se non ci fossero stranieri, ecc ecc.

    Ma la stessa de-finizione porta dentro il limite, limes. Indica dove finisco io e comincia qualcos' altro. Ogni limite fa venire voglia di vedere cosa c'è al di là, per cui nel momento in cui sei definito, diventi subto insofferente di quella stessa definizione senza la quale però non avresti identità…

    Una di quelle belle contraddizioni che la condizione umana si porta dietro.

    Egle,
    Felice che ti piaccia. 
    Anche il disegno è mio. Nonostante gli incoraggiamenti di hannah sono ben consapevole della povertà di mezzi, però non  riuscivo a trovare un' immagine adeguata al post, ed ho provato il fai-da-te…

    .

  16. feritinvisibili ha detto:

    .. forse non ti piace che te lo dico, ma secondo me ti sottovaluti un po', mi riferisco ai tuoi disegni naturalmente.
    E immagino che lo sai già, ma non direi niente se non lo pensassi veramente.
    Come ti ho già scritto, trovo che nella natura della loro semplicità stia il loro valore, in queste montagne c'è uno splendore e un candore che non avresti potuto rendere se non con "i poveri mezzi" come dici tu…

  17. egle1967 ha detto:

    Del disegno apprezzo le sfumature dei colori e la sua semplicità'

  18. capehorn ha detto:

    Se può andar bene

  19. melogrande ha detto:

    Preciso preciso, cape …
    Grazie.

  20. Diaktoros ha detto:

    A parte che l'alba si potrebbe registrare, ho scoperto che c'è gente che non ha mai visto l'aurora e non immagina nemmeno come possa essere. Come far capire che conoscere la natura non significa guardare un documentario in tv ?

  21. utente anonimo ha detto:

    Si potrebbe sequestrarli tutti, uno alla volta e portarli su un isola deserta, di quelle dove le albe e i tramonti non lasciano scampo…lasciarli lì due o tre giorni e poi andarli a recuperare. Bisogna solo trovare chi finanzia il progetto. 

che ne pensi ?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...