Questione di educazione

 

Le parole hanno un senso, ed è l’ etimologia che invariabilmente lo illumina.

Il termine “inculcare” proviene dal latino ed è composto da “in” che vuol dire “dentro”, m anche “sopra”, e “culcare” cioè “calcare” che vuol dire letteralmente “spingere col piede”. Inculcare vuol dire dunque, letteralmente, “cacciare dentro a forza, spingendo giù col piede, pigiare dentro”.
E si capisce quanto poco appropriato sia se riferito ai giovani in età scolare.

Il concetto opposto ad “inculcare” sarebbe invece “tirare fuori, estrarre”. Questo concetto viene reso da un termine anch’ esso derivato dal latino “ex- ducere”, vale a dire condurre fuori.

Questo termine è EDUCARE.
 

Annunci

52 commenti su “Questione di educazione

  1. AromaEssenziale ha detto:

    Differenza non da poco!

  2. melogrande ha detto:

    Appena l' opposto…

  3. capehorn ha detto:

    Dal che, quando inculchi qualcosa, hai già sbagliato tipo di educazione.

  4. melogrande ha detto:

    Sì, stai facendo qualcosa che è il contrario di educare.
    Cosa che dovremmo sapere dai tempi di Socrate…

  5. Pannonica ha detto:

    maieutica e scultura hanno in comune il far-venir-fuori ciò che è già dentro la persona da educare o la roccia da scolpire.
    si tratta "soltanto" di eliminare il grezzume superfluo che ricopre persone e rocce…
    è più facile la seconda, senza ombra di dubbio.

  6. Diaktoros ha detto:

    Naturalmente, per far venir fuori contenuti dal cervello di qualcuno, bisogna credere che in quel cervello ci siano depositati i concetti di base, da sviluppare per giungere all'apprendimento, e non solamente crusca. Anche ammettendo di trovarsi di fronte a un cervello normodotato, ci sono però contenuti culturali che non possono essere ricavati solo esercitando le attività razionali. Le verità fondamentali possono essere insegnate tramite la maieutica, le nozioni particolari no. Per questo bisogna rassegnarsi al fatto che una parte di ciò che si insegna debba penetrare nel cervello dei discenti con la fatica dello studio. Si può privilegiare l'educare rispetto al conculcare, la filosofia rispetto all'erudizione; ma nel mondo qualche nozione (che non si può ottenere per ragionamento) continua ad essere indispensabile, per non qualificarsi come ignoranti.

  7. astrogigi ha detto:

    Perchè mi viene in mente "L'Attimo fuggente" ?
    Forse perchè se avessi avuto un professore di poesia come Robin Williams forse l'avrei amata anzichè detestata ?

    Sto pensando come scolpire via il grezzume dal calcolo differenziale, o dalle ossidoriduzioni….

    Ancora una volta temo sia nelle persone che hanno il ministero del diffondere la conoscenza la possibilità di fare la differenza.

    Chi vive l'insegnamento come un ripiego o un impiego, sarà sempre inefficace ai fini della cultura: il metodo può virare un inculcare in un partecipare ed educare.

    Gb

  8. SAMOTHES ha detto:

    Uff… io devo esser sgrezzata prima di commentare in questo blog, allora…
    Assolutamente!

  9. feritinvisibili ha detto:

    .. non immagini quanto preziosa mi sia questa tua distinzione tra le due cose supportata dallla radice latina della parola.
    Sto preparando una specie di conferenza sullo sviluppo del bambino per un asilo, mi hai fornito una ulteriore argomentazione.
    Credo di aver sudiato il latino per un annetto in terza media e non ricordo una sola parola.

  10. Lillopercaso ha detto:

    Prendendola letteralmente, Diak ha ragione;
    ma parlando di metodo, dato che si va per gradi, i bravi educatori ti insegnano nozioni facendotici arrivare da solo.  Forse anche alle ossidoriduzioni – che non ho mai sentito nominare (grazie, me le cerco da sola 🙂

  11. Lillopercaso ha detto:

    "Prendendola letteralmente "  ?

  12. astrogigi ha detto:

    LilloUberAlles, quando trovi ossiriduzioni, mi fai copia-incolla ?
    Anche in chimica non ho avuto grandi Educatori…..

    …Però…peta che mi sta scintillando una lampadina nel cervello…..

    Parlando di metodo, il mio amico più caro insegna chimica al politecnico: pensa che proprio per i suoi metodi partecipativi, ha visto i suoi studenti creare una pagina fans club su facebook.

    Fans club di studenti per il prof di chimca: al politecnico di milano !!!!!!

    Ma daiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii

    sai che forse ci converrebbe mimetizzarci ad una delle sue lezioni sulle ossidoriduzioni.???..mi sa che le capiremmo tuti e due al meglio !!!!!!!!!! 

    (ti avviso però: è un mio amico da sempre, lo considero il fratello che non ho mai avuto ed è fuori di testa almeno quanto me… è pure SINGLEEEEEEEEEEEEEEEE !!!!!!!!  :-))

    ahahahahaha

    GB

    (scusa Melo ma oggi non sto meglio del solito…..)

  13. feritinvisibili ha detto:

    Astro e Lillo vengo con voi al politecnico mimetizzata da studente russo (maschio) mi portate?

  14. SAMOTHES ha detto:

    Lillo, è la più bella rappresentazione di ossidoriduzione (?) che io abbia mai visto.

  15. Lillopercaso ha detto:

    Vero, Sam?

    Hannah, per me va bene!
    Astro?

  16. Lillopercaso ha detto:

    Per la par condicio.

  17. astrogigi ha detto:

    Ha un suono nu pochetto rugginoso…..ed un retrogusto acidello…

    a voler essere precisi ci vorrebbe na formuletta…ma se la scrivo mi segano un orecchio e me lo ritrapiantano dall'altro lato del melone, creandomi problemi con la stereofonia…..
    e a io che ci piace assai la musica sinfonica, sarebbe danno grave…

    Lillo !!!!!!!!!!  

    facciamo così: data la straordinaria interpretazione di una delle cose che detesto di più, ti chiederei di esprimerti anche su uno scritto giovanile del Leopardi che tante volte turbò i miei sonni di liceale: trattasi de:

    "Paralipomeni alla Batracomiomachia di Omero"

    attendo ansiogeno e tumefatto….

    thx a lot

    GB

  18. feritinvisibili ha detto:

    Astro se il tuo amico è bello come il tipo nella foto di Lillo vengo vestita da femmina (((:
    Melo perdona, ma oggi neanche io sto meglio del solito (((:

  19. Lillopercaso ha detto:

    Topo… pardon… tipo così, Astro?

    (Hannah,  )

  20. feritinvisibili ha detto:

    Lillo è il dottor Živago, vero?
    (pronincia: sgivago ((:)

  21. astrogigi ha detto:

    Feriteinvisibili, se vuoi provare a sbirciare di che pasta siamo fatti…..

    spero solo che il link a facebook funzioni….

    http://www.facebook.com/photo.php?fbid=1234310597304&set=a.1234307957238.27410.1815360757&theater

    non saremo all'altezza del dottor zivago, ma possiamo portarvi lassù, molto più in alto, dove brillano le Stelle……

    GB

    (ps: Lillo….mi mandi giù per il tubo  ?)

  22. Lillopercaso ha detto:

    Meglio su, Astro…  Ma posa la  brugola!

    Sì, Hannah. Come eravamo.

  23. feritinvisibili ha detto:

    .. il link funziona, ma l'accesso alla pagina richiede l'iscrizione a facebook

  24. Lillopercaso ha detto:

    Hannah:  veramente quello doveva essere il tuo travestimento da studente.

    (pronincia: pro-nun-cia)

  25. astrogigi ha detto:

    questo dovrebbe funzionare….

  26. feritinvisibili ha detto:

    Lillo, ci sono dove???
    E l'avevo capito che Omar Sharif sarei io al maschile, se lo dici tu…  non è manco un po' russo però.
    Beh, almeno aggiorniamo la versione:

    (Melo in tua assenza noi continuiamo nella nostra impegnata opera educativa, oggi forse -perlomeno io- anche peggio del solito…)

  27. melogrande ha detto:

    Posso chiedervi che cosa vi siete fumati, e soprattutto se ve ne è avanzato un po ?

  28. melogrande ha detto:

    Lillo, Astro le reazioni di ossidoriduzione non sono così complicate,sono facili come respirare…

     

  29. astrogigi ha detto:

    dunque, io mi sono fumato un mix di 39 ore filate di lavoro, 4 bustine di nimesulide e la scoperta che alla mia età devo fare test allergici perchè non mi riesco a liberare di alcune fastidiose dermatiti.

    azz, mai avuto nulla.

    compiuti i 50 ho vissuto un esponenziale di segno –

    uffa

    GB

  30. Lillopercaso ha detto:

    AIUTO !  Mi sto ossidoriducendo….. 
     Ah.. No.. Pfiuuu!!
     AAH, SI'…
    ah,  no…
     AH…Sì !
     ah,  no…
     ah,  sì…
     ah, no..

  31. Lillopercaso ha detto:

    E invece  Ah, sì! Astro,  anche tu, vedi…

  32. Lillopercaso ha detto:

    Maestro, Pannonica ha detto maieutica!

  33. Lillopercaso ha detto:

    Dài, che ce la facciamo d arrivare ai 40, così poi   possiamo mandare 'tutto in vacca', come dice Hannah.

    Oppure cerchiamo di recuperare nei 5 che mancano?

  34. feritinvisibili ha detto:

    Tutta colpa di Lillo, ecco. Quando c'è lei in giro sparge strani influssi qui da te Melo, e piano piano verso il 35°-40° commento ossidropiamo tutti
    Per quello che mi riguarda non c'è niente da recuperare Lillo, ormai sono spacciata

    Risultato dell'ossidropamento (autoritratto prima e dopo):

  35. Lillopercaso ha detto:

      HA  COMINCIATO  ASTRO !

    (Acc…!  Ma la piccola sei tu precisa!!!
    Non ti conoscevo PRIMA.)

  36. SAMOTHES ha detto:

    Bello il funghetto verde fra il basilico. Dev'esser buono crudo con un insalatina di pomodorini e rucola… qual'è l'argomento del post qui?

  37. melogrande ha detto:

    Non me lo ricordo più nemmeno io …

  38. melogrande ha detto:

    OK ci siamo !
    .
    Avendo raggiunto il traguardo dei quaranta commenti, non me ne vorrete se torno in tema per un attimo soltanto…

     
    Io non intendevo per la verità entrare nel merito del tema educative, quanto più semplicemente illustrare il significato vero di parole che mi parevano usate assai a sproposito.

    L’ educazione dovrebbe essere un processo di “crescita accompagnata” da parte di un insegnante che assume comunque una posizione di autorità. Vale la pena ricordare che “magister” è letteralmente, “chi è di più”, opposto a “ministro” che dovrebbe essere “chi è di meno”, in quanto servitore (del popolo sovrano). Ma sorvoliamo.

    La mia personalissima esperienza dice che qualsiasi cosa abbiano tentato di inculcarmi, io l’ ho rinnegata non appena ho potuto, mentre l’ insegnamento che mi è rimasto dentro è quello derivante dall’ esempio di persone che ammiravo, stimavo, onoravo.

    Persino l’ inevitabile nozionismo di cui parlava Diaktoros è efficace solo se ci si è dati cura di risvegliare preventivamente l’ interesse, altrimenti è noto che tutto ciò che entra in un cervello indifferente ne esce alla stessa velocità, un minuto dopo avere sfangato l’ interrogazione.
     

  39. SAMOTHES ha detto:

    NOn disperare Melo; un po' di cazzeggio ogni tanto fa bene. Anche per me l'insegnamento è stato efficace ed è risultato importante, rimanendo nella mia nella mente e nel cuore, quando mi è arrivato da persone per le quali provavo grande stima e rispetto. L'apprendimento è una questione anche affettiva, c'è poco da fare. Se si apprezza una persona si apprezza anche ciò che insegna e se si apprezza ciò che insegna l'interesse nasce e cresce spontaneamente. Pensiamo a quello che impara un bambino dalla madre o dal padre; ciò che assimila ha collegamenti inevitabilmente affettivi. E' un meccanismo che penso si ripeta anche in età più adulta. Io credo di aver provato un affetto vero e sincero per alcuni insegnanti che ho avuto; me li ricordo ancora con lo stesso sentimento e con lo stesso senso di gratitudine e automaticamente associo le nozioni e le materie che loro mi hanno trasmesso a questo senso di benessere emotivo. Da loro ho imparato bene e ho imaprato molto per questo. Esistono, sono pochi, ma efficaci.

  40. feritinvisibili ha detto:

    Mi avete fatto pensare, Melo e Samo, che dagli insegnanti del genere che dite voi si apprende anche perché mentre ci comunicavano il loro sapere ci siamo sentiti rispettati, presi in considerazione come esseri intelligenti e capaci.
    Inculcare è direttamente connesso con l'umiliare, l'educare è un trarre fuori perché nutre il talento innato, quello in dotazione alla nascita insomma.
    Mi viene in mente un aneddoto ebraico, secondo il quale prima di nascere sappiamo tutto, abbiamo una conoscenza totale, immensa come è immenso l'universo e oltre. Ma con quella sapienza non potremo vivere sulla terra, allora Dio alla nascita preme il suo dito tra il naso e la bocca di ogni essere umano, lì dove ognuno di noi ha una fossetta lunga e stretta: quello è il segno lasciato dal dito di DIo che con quel gesto ci chiude per farci dimenticare e permetterci di vivere. Bello, eh?

    (vedrai Melo che intorno al 45° commento torna la crisi, preparati..)

  41. SinuoSaStrega ha detto:

    La parola "inculcare" è in stile bunga-bunga. Siamo arrivati anche a toccare i doveri dell'insegnante. Meno male abbiamo lui, che inculca i valori giusti! Tsee…
    Andrebbe veramente incul ato… Ops, scusa, ho problemi on la digitazione della lettera   .

  42. melogrande ha detto:

    Samothes, ricordo ancora un gran professore di latino e greco che in terza liceo ci fece leggere in classe l' Alcesti provocando una discussione degna di un talk show sul fatto che Admeto fosse in buona fede oppure no.
    L' amore per la Grecia classica è nato allora e non mi ha più abbandonato…

    Il che mi porta a rispondere all' osservazione di Hannah.
    Il sapere come ricordo (reminiscenza) è un caposaldo del platonismo, e quindi anche della cultura occidentale. Ne parla il Menone ed è alla base del mito della caverna della Repubblica, ad esempio.
    Non è vero, naturalmente, anche se sembra, non c'è un sapere innato, ma ci sono categorie e comportamenti innati.
    Servirà attendere fino a Kant per chiarire la differenza.

    Sinuosa, mi sa che devi sostituire la tastiera…
    O no ?

  43. astrogigi ha detto:

    http://www.sottoifioridililla.com/2011/03/ibridamenti-collaborazione-in-rete.html#more

    Melo, qui si parla (nel blog dell'amica AromaEssenziale) di qualcosa che  un paio di post fa hai affrontato anche tu.

    c'è il mio zampino, ma ritorna per qualche bytes quell'esperienza che ci ha fatti conoscere.

    Credo possa essere esempio di un insegnamento partecipato, di un sapere acquisito nel condividere il moto alla conoscenza, anche lontana dal proprio noto.

    Un esempio di dinamica conoscitiva in divenire costante.

    non so in quale categoria kant posizionerebbe tale metodo, ma so che il viverla mi ha dato l'impressione che così avrebbe potuto essere lo scenario di una conversazione di Platone, oi dialogoi moltiplicati per mille connessioni virtuali…

    se finisco la mia benedetta macchina del tempo, ci vieni in Agorà a fare un giro ?

    (portiamo in dono qualche fungo…o meglio: una pio di torte di LilloMaterCulinaries….Plato ne sarebbe conquistato…) 

    GB

  44. Diaktoros ha detto:

    Per completare il discorso, e per esperienza personale, vorrei dire che funzione principale dell'insegnamento dovrebbe essere quella di stimolare la curiosità, che in origine esiste, ma lentamente tende a calare, quando ci si adatta ad accontentarsi di quel poco che si conosce e che è necessario per vivere. Se la curiosità subentra, si riescono a ingoiare (e memorizzare) anche quei pacchi di nozioni che necessariamente fanno parte del bagaglio culturale, faticando molto meno di quanto si faticherebbe se si studiasse solo per dovere

  45. melogrande ha detto:

    Ho un bel ricordo della collaborazione con Ibridamenti, un lavoro che era davvero in anticipo sui tempi.
    Cosa fosse la Rete, quali potenzialità avesse ce lo chiedevamo, e forse lo capivamo, persino, quando i blog sembravano solo la moda di un momento.

  46. melogrande ha detto:

    p.s.
    Sulla macchna del tempo ci vengo volentieri, ma è sicuro che funziona ?
    Non è che finiamo come questi due ?

  47. astrogigi ha detto:

    Beh, sono sicuro ci divertiremmo con loro…..m aio andrei un pochino più indietro….ci sto scrivendo su un liello…magari ti mando via mail unabozza del mio delirio temporale….

    per ora vivo un presente doloroso, per il Giappone e per l'umanità tutta.

    mamma mia che disastro

    (una domanda futile Melo: ma anche a te splinder risulta lentissimo in questi ultimi 2, 3 giorni ?)

    ciao
    GB

  48. melogrande ha detto:

    Sì, Astro, confermo, è lentissimo.

  49. capehorn ha detto:

    Ho letto i precedenti commenti e mi sono accorto di come, anche nel cazzeggio, quì si insegni.
    Si educhi con  forme d'alta ironia ad avere uno sguardo  abbastanza distaccato dalle cose, tanto da non farsi prendere per esse da qualsiasi atteggiamento integralista, pur tuttavia mantenere un occhio indagatore, attento ad ogni possibile cedimento del motivo del contendere.
    E' vero, abbiamo ricevuto una sorta di "imprinting" e questo non solo per le norme di comportamento societario, ma di certo siamo stati anche sollecitati, chi più chi meno, ad approfondire, ad accuire.
    In somma, per chi ha buone orecchie l'educazione é permanente.
    Ma per avere buone orecchie, occorre che queste vengano per l'appunto educate sin da subito. Così non saranno pesanti, neppure le conseguenti nozioni, che dovremo apprendere. Abbiamo imparato che due più due é uguale a quattro, come pure che l'acqua bolle a cento gradi e così via.
    Dalle nozioni basilari ci si spinge a quelle più complesse e si forma così una personale educazione al sapere. Ci sarà indubbiamente chi nell'ossiriduzione ha una preparazione formidabile, chi conosce le sfumature dei colori e di come possono essere sfruttate al meglio in una composizione pittorica.
    Forse ciò che manca, o che é venuta o sta venedo a mancare é l'educazione all'educazione. Non si sollecita più, non si incuriosisce nessuno o ben pochi. 
    Molti, troppi sono lasciati bradi, in balisa di oro stessi, con poche nozioni, per di più sputazzate in qualche maniera, con l'unico viatico di un: "Adesso arrangianti".
    Dipende da questo, forse, che nell'Agorà siano rimasti in pochi, mentre al locale d'ogni  bunga-bunga ci sia una fila kilometrica?

  50. melogrande ha detto:

    Diciamo pure che siamo assai renitenti a farci inculcare qualsiasi cosa .
    (speriamo che la tastiera non si inceppi…)

che ne pensi ?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...