Farfalle, lucciole, libertà (e un lupo)

 

 

La farfalla: se voglio godere del profilo delle sue ali e della perfezione dei suoi colori devo catturarla, spillarla, ucciderla.
Guardandola fuggire perderò tutto questo ma vedrò il suo battito, la sua libertà.

Cercare lucciole nel buio, oggi, è rinunciare a possederle.
Catturo una lucciola e non farà più luce. La lascio andare: temo di averla perduta.
Ma il dono che ricevo è più grande: è un ricordo di magia e di grazia che mi aiuta a restare libero.

 

Georges Didi-Huberman

 

 

Il lupo è come un fiocco di neve. Puoi afferrare un fiocco di neve, ma quando ti guardi in mano non c’è più.

Se lo vuoi vedere, devi scendere a patti con la sua natura. Se lo afferri, lo perdi. E da dove va a finire non si ritorna più. Neppure Dio è in grado di riportarlo indietro. 

Il lupo è fatto come è fatto il mondo. Non si può toccare il mondo. Non si può tenerlo in mano perché è fatto solo di respiro.

Cormac Mc Carthy – Oltre il confine

 

Annunci

19 commenti su “Farfalle, lucciole, libertà (e un lupo)

  1. Lillopercaso ha detto:

    Questo è una bella conclusione del post precedente.La frase che mi ha colpito è '..un ricordo … che mi aiuta ad essere libero'.Una emozione provata varie volte nelle circostanze descritte nel tuo post, e ho impressa nella memoria l'immagine indelebile di un lupo visto in libertà, proprio un soffio color del vento. Ma ancora di più l'ho provata tempo fa fiancheggiando delle isole abitate da popoli primitivi: mi sono sentita.. salva. Anche se mi toccasse continuare da schiava la mia vita, una parte di me è rimasta su quelle isole tra persone solo immaginate.

  2. Lillopercaso ha detto:

    Anche l'amore è così, quello che comincia con l'innamorarsi di qualcuno con l'euforia del rinascere e del nuovo eccetera. Poi, nel timore di perderlo, lo leghi..  Come può un'aquila diventare aquilone..Questa canzone è un po' sbeffeggiante, ma era un hit dei miei genitori, che, appunto, si sbeffeggiavano con amore.

  3. melogrande ha detto:

    Lillo, era venuta in mente anche a me, questa cosa.

  4. melogrande ha detto:

    Mi mancherà, Saramago. Mi mancherà, e caso vuole che mi trovi a salutarlo con le parole di colui che, adesso, mi pare rimasto il più grande scrittore vivente, Cormac McCarthy.E da dove va a finire non si ritorna più. Neppure Dio è in grado di riportarlo indietro. 

  5. Lillopercaso ha detto:

    Vengo a saperlo ora da te. Sono contenta di averlo letto prima che morisse, che il mio pensiero sia corso a lui finché era in vita, che io abbia potuto guardare la sua bella faccia ed immaginarlo da qualche parte impegnato a scrivere anche per me.

  6. SinuoSaStrega ha detto:

    E' così bello osservare la libertà fin quasi a immergersi! E' il nostro modo di materializzare una sensazione che non ci è dato viverla da uomini, se non nella volontà di avvicinarglisi che per pochi istanti. E ci ripaghiamo riempiendoci gli occhi della bellezza di un volo o della  solitaria fierezza del lupo, o gonfiandoci i polmoni col moto delle onde mai uguale a se stesse…

  7. feritinvisibili ha detto:

    Questa faccenda del possedere le cose e le persone che si amano, mi sembra sia direttamente prorzionale all'eterna ambivalenza umana tra la stabilità, che a un certo punto diventa stretta e soffocante, e il mutamento.Io credo che non ci sia soluzione, siamo proprio "condannati" in questa ambivalenza. Però in effetti devo dire che con l'età, e dopo alcune sostanziose esperienze (dal punto di vista dei segni che lasciano), si inizia a scoprire di poter assaporare l'essenza delle cose senza consumarle..Mi viene in mente Shiddarta, forse è il momento di rileggerlo, ho il sospetto che a distanza di trenta anni abbia da dirmi molte cose nuove in proposito.Buon fine settimana Francesco, Hannah

  8. feritinvisibili ha detto:

    p.s. In un certo senso Saramago è vivo e resta tra noi! Il bello degli artisti è che continuano a vivere nelle loro opere e in quello che hanno seminato in noi che le abbiamo frequentate… Dico cose scontate, lo sò, però ci sta bene qui adesso, in fondo anche lui come tutte le cose è una lucciola o un lupo che passano come un guizzo ed è un gran bene lasciarli andare: che lo si voglia o meno è la nostra condizione di umani…

  9. tittidiruolo ha detto:

    Condivido in pieno il tuo PS, Hannah. meno amle che ci lasciano qualcosa di molto sostanzioso: l'arte è il sè profondo, ciò che non si riesce a dire …Farfalle, lucciole, lupi , passerotti, aironi, pipistrelli… troppo belli da guardare magari ce ne fossero ancora..magari!! buon fine settimana.

  10. Diaktoros ha detto:

    La realtà non si può possedere, bisogna solo lasciarla esistere. L'uomo però desidera possedere, per colpa della sua insicurezza, e così finisce per distruggere tutto quello che di bello e piacevole la vita gli offre. E' nella nostra natura desiderare la stabilità, l'eternità; ma paradossalmente è un desiderio che va contro la natura delle cose.

  11. Lillopercaso ha detto:

    Farfallone,sempre qui e là, se non passi di lì ti saluto qua.Arrivederci!Quo(percaso)

  12. RedPasion ha detto:

    la farfalla è l'animale che più temola farfalla è l'animale cui per caratteristiche (e non mi riferisco alla bellezza nè alla leggerezza) sono stata più spesso paragonataanch'io so che ci assomigliamo.non potrei mai uccidere una farfalla

  13. feritinvisibili ha detto:

    Da qualche giorno ho un sospetto che mi viene leggendo tra le righe del sogno delle chiavi perdute e quello delle cose luminose e vive da assaporare e lasciar andare… Secondo me te ne sei fuggito in qualche landa lontana ((((: libero come un lupo e leggero come una farfalla, e pure luminoso come una lucciola, perché è proprio così che vedo i pensieri che ho conosciuto di te nei tuoi scritti in questo anno.Mi piace vederti così, anzi mi da una grande gioia pensarti libero.Un abbraccio, Hannah

  14. melogrande ha detto:

    No, no, non svolazzo libero per la selva.
    Quantunque, il richiamo della foresta …
    Solo un po’ di impegni che si accavallano.
    Torno subito.

  15. melogrande ha detto:

    Ha ragione Diaktoros, questo bisogno di possedere nasce dalla paura, dall’ insicurezza, dall’ ansia. Possedesre le cose ma anche gli esseri viventi, gli animali, i figli, le persone, quasi che dal possedere ne potesse derivare una sorta di immortalita’.

    Ma il mondo non si puo’ possedere perche’, come dice McCarthy, il mondo e’ respiro ed il respiro non lo puoi fermare senza ucciderlo. Si puo’ solo cercare di gioire dell’ essenza delle cose senza consumarle come dice hannah.

    Certo, e’ più facile dirlo che farlo.

  16. melogrande ha detto:

    Oltre che bella e leggera, la farfalla e’ fragile e vulnerabile.

    E’ questo che temi, Red ?

  17. RedPasion ha detto:

    sì assolutamentenon posso guardarne le alinon potrei mai entrare in quelle sale-museodove è possibile vederle morteurlerei… o MEGLIO sarei inorridita

  18. capehorn ha detto:

    Concordo. Il possesso, il possedere é quell'ambigua carta che troppo spesso amiamo giocare. Mi par quasi che una parte oscura della nostra intelligenza ci coltivi e ci spinga al possedere persone é cose. Non diciamo forse dell'amato: é mio!Non diciamo: sono con lui.Vogliamo solo sigillare e siamo pronti a trasformarci in  feroci e spietati, pur di mantere quel possesso.Non viviamo nella natura come amanti di essa, ma come predatori. Ne conosciamo molti limiti, ne apprezziamo molti aspetti, anche i più inquietanti e attraverso l'intelligenza, ne limitiamo effetti perniciosi, eppure vorremmo disporre di essa in modo esclusivo ed egoistico. Preferiamo spillare una farfalla, piuttosto che permettere anche ad altri la sua visione.Con un processo coscente ci rendiamo conto che l anatura e i suoi fenomeni sono di tutti eppure li vorremmo solo per noi, disposti anche ad interrompere egoisticamente il suo respiro. Quasi che interrompendolo possaimo paragonarci a Dio o a un dio, che può cogliere l'anelito ultimo e supremo.Peccato che non avendone le potenzialità, del dio, non possiamo anche ordinare a quel respiro di riprendere il suo flusso.Abbiamo le carte, ma siamo incapaci di giorcare, e troppe volte bariamo.

  19. melogrande ha detto:

    Che piacere rivederti da queste parti, amico mio…

che ne pensi ?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...