A chi ha sarà dato – part II

a Tia Lori
Quello che volevo dire.
Devi usare il tuo dono, grande o piccolo che sia.
Senza paura e senza risparmio, oppure con paura, ma senza risparmio.
 
Se sai cantare canta.
Se sai correre corri.
Se sai studiare studia
Se sai cucinare cucina.
Se sai amare ama.
 
Devi fare tutto come se fosse la cosa più importante del mondo, e come se volessi arrivare al numero più grande di tutti. Lo so che non c’è, ma cerca di arrivarci lo stesso.
 
Il talento, quale che sia è un dono che è dato perché tu lo metta a frutto, non per dormirci sopra o lasciarlo arrugginire. E’ una responsabilità il talento.
Spremi tutto quello che puoi, a fondo perduto.
Spingiti oltre.
Schiaccia ‘st’ acceleratore, cazzo.
Fino a non farcela più.
Poi prova a farcela ancora un po’. Vedrai che ce n’ era.
 
Forse così arriverai da qualche parte. Forse no. Ma non avrai rimpianti.
Perchè altro modo non c’ è per sapere dove PUOI arrivare.
Tutto qui.
 
Annunci

6 commenti su “A chi ha sarà dato – part II

  1. utente anonimo ha detto:

    Fiorire e dar frutti in qualunque terreno si sia piantati
    Etty Hillesum

    hesse

  2. utente anonimo ha detto:

    Lentamente muore chi diventa schiavo dell’abitudine, ripetendo ogni giorno gli stessi percorsi, chi non cambia la marca, il colore dei vestiti, chi non parla a chi non conosce.

    Muore lentamente chi evita una passione, chi preferisce il nero su bianco e i puntini sulle “i” piuttosto che un insieme di emozioni, proprio quelle che fanno brillare gli occhi, quelle che fanno di uno sbadiglio un sorriso, quelle che fanno battere il cuore davanti all’errore e ai sentimenti.

    Lentamente muore chi non capovolge il tavolo, chi è infelice sul lavoro, chi non rischia la certezza per l’incertezza per inseguire un sogno, chi non si permette almeno una volta nella vita di fuggire ai consigli sensati.

    Lentamente muore chi non viaggia, chi non legge, chi non ascolta musica, chi non trova grazia in se stesso.

    Muore lentamente chi distrugge l’amor proprio, chi non si lascia aiutare; chi passa i giorni a lamentarsi della propria sfortuna o della pioggia incessante.

    Lentamente muore chi abbandona un progetto prima di iniziarlo, chi non fa domande sugli argomenti che non conosce, chi non risponde quando gli chiedono qualcosa che conosce.

    Evitiamo la morte a piccole dosi, ricordando sempre che essere vivo richiede uno sforzo di gran lunga maggiore del semplice fatto di respirare. Soltanto l’ardente pazienza porterà al raggiungimento di una splendida felicità.

    Neruda

    Obermann

  3. Dilia61 ha detto:

    mi ricorda la filosofia degli abrigeni… i boscimani
    ognuno ha un dono e lo mette a disposizione degli altri, nessun e’ piu’ degli altri… Bella anche la loro usanza di attribuirsi un nome secondo quello che sono… e lo cambiano quand crescendo scoprono altre capacita’ con cui contrinuire al benessere comune

  4. utente anonimo ha detto:

    E’ un momento, questo,in cui certi “sproni” hanno su di me un effetto detonante! Grazie.

    Sono contenta di averti trovato e aver scoperto che hai linkato il mio blog al tuo.
    Sono felice di ricambiare l’ospitalita’.
    Loredana

  5. melogrande ha detto:

    Il piacere è più il mio, semmai.
    A questo poi tengo davvero: un talento è una responsabilità.
    Non abbiamo scelta.
    E’ l’ accidia il male assoluto.

  6. utente anonimo ha detto:

    Ehi…Ma da dove sei sbucato? Sembrerebbe direttamente dalle mei necessita’, dai miei pensieri…Quelli di oggi, degli ultimi tempi, quelli che lasciano scie e tracce sull’anima.
    Il talento. La responsabilita’. fiuuu..tum tum tum e il cuore batte forte…
    Ciao.
    Loredana

che ne pensi ?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...