La casa alla fine del bosco

Un giorno ci andremo davvero, e ci sarà il sole che farà risplendere l’ aria di polvere dorata.
Il cielo sarà chiaro ed azzurro, non ci saranno più queste nuvole. Ci sarà stormire di foglie e cinguettare di uccelli e frinire di grilli frusciare di lucertole nei cespugli e tutto il resto che ci vuole.
Il vento pulirà l’ aria e farà ondeggiare l’ erba, che risplenderà di riflessi argentati.
 
Ci saremo arrivati a piedi, piano piano, salendo nel bosco per il sentiero antico, lungo, lento, tutto sassi e terra smossa, calpestando le foglie, riempiendoci di quell’ odore scuro, umido, amaro, perfino un po’ ammuffito.
Avremo visto castagne dappertutto, in parte scivolate fuori dai ricci maturi e spaccati. Oppure mirtilli, dipende dalla stagione, li avremo scorti osservando con attenzione perché si nascondono, si confondono tra i cespugli.
Avremo raccolto per strada, castagne, mirtilli, fragole o more, con l’ idea di mangiarli più tardi.
Ci saremo fermati ogni tanto lungo il sentiero, vicino ad un torrentello, a riposare, a guardare, a rinfrescarci immergendo le mani nell’ acqua gelida, spruzzandocela sul viso, persino gli scarponi avremo tolto, per immergere i piedi nel torrente, senza esitare o fare storie, freddo o non freddo.
Niente parole, niente discorsi durante quelle soste perché non c’è niente da aggiungere, tanto meno nello scorgere una salamandra, una salamandra vera nera e gialla muoversi goffamente su di un tronco.
Ripreso il cammino per non fare tardi lo avremo infine concluso sbucando dopo un ultimo strappo di salita in questa radura improvvisa ed incongrua, ampia d’ erba verde o giallastra, circondata dal bosco da ogni lato, con la vecchia casa in mezzo.
Lì ci fermeremo.
casafinemondo
Faremo da mangiare nel grande camino al piano terra, oppure all’ aperto se la stagione lo permette, io accenderò il fuoco fra due sassi.
Mangeremo con le mani, sporcandoci tutti e ridendo come bambini.
Poi ci stenderemo sul prato, guardando il cielo sereno.
E quella, esattamente e precisamente, sarà la volta che voleremo via.
 

http://stat.radioblogclub.com/radio.blog/skins/mini/player.swf

Annunci

3 commenti su “La casa alla fine del bosco

  1. utente anonimo ha detto:

    ” E sentì stranamente uno straniero dire:/Io sono con te” – Rilke

    hesse

  2. Metanoie ha detto:

    Veramente bello.
    Grazie.

  3. utente anonimo ha detto:

    No people are seen on this mountain, / only voices, far-off, are heard./ Deep forest. Western light:/ it illuminates the moss and, green, rises.

    Wang Wei

    Demian

che ne pensi ?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...